I migliori microfoni per YouTube nel 2024: creare video di qualità

Home » Blog » I migliori microfoni per YouTube nel 2024: creare video di qualità
Без рубрики


Donnerdeal US

Nel 2024, per lo streaming e la ripresa di video su YouTube non bastano più una fotocamera maneggevole e delle cuffie da supermercato: gli spettatori sono pronti a prestare attenzione solo a immagini e audio di qualità. Per registrare una traccia audio che non faccia male alle orecchie, è ovviamente necessario un microfono. Per i principianti e per chi è pronto ad affrontare la post-elaborazione, esistono opzioni più economiche, per i professionisti — più costose. In questo articolo vedremo cosa è possibile ottenere con un budget limitato e confronteremo i modelli di microfono più popolari del 2024 di YETI, AT, SHURE, SENNHEISER, RODE, OCTAVA e SONY.

I migliori microfoni per YouTube del 2024 per tutte le tasche

La parte più difficile della compilazione di questa classifica è stata la selezione dei modelli di microfono veramente degni di nota tra quelli che si possono trovare nei negozi nel 2024. Cercando, confrontando e contrastando il prezzo con le recensioni dei proprietari, sono stati selezionati i 7 migliori microfoni per streamer e vlogger che si possono facilmente acquistare a un prezzo ragionevole in questo momento.

  • Blue Yeti nano
  • Audio-Technica ATR3350xIS
  • Shure MV7
  • Shure MVL
  • RODE NT-USB Mini
  • RODE Lavalier GO II
  • Sennheiser ME 4-N
  • OCTAVA MCU-02
  • Sony ECM-44B

Caratteristiche principali da considerare quando si sceglie un microfono per YouTube

Tipo di connessione.

XLR: si collega solo alle schede audio professionali. Se non ne avete una e non avete intenzione di acquistarne una, è meglio non guardare nemmeno i modelli XLR, per evitare di dover fare i conti con gli adattatori, che spesso «mangiano» la qualità e la velocità di risposta.

Mini jack — adatto a qualsiasi computer portatile e anche ad alcuni dispositivi mobili, ma di solito offre una qualità e una stabilità di trasmissione del segnale mediocri. Di solito il mini jack viene utilizzato per collegare microfoni e auricolari a livello di cuffie: può essere adatto ai principianti, ma è possibile ottenere un suono piacevole per le orecchie solo grazie a una complessa messa a punto o alla post-elaborazione.

L’USB è un compromesso, grazie al convertitore di suono integrato nel microfono. Il lato positivo dei microfoni USB per i creatori di contenuti è la loro facilità d’uso: di solito non hanno bisogno di impostazioni, adattatori e altre cose che possono complicare la vita anche al più esperto dei technoblogger.

Fattore di forma del microfono

I microfoni da studio sono un’opzione costosa, la cui elevata sensibilità richiede condizioni particolari. Ma quando si registra in studio con tutti gli accorgimenti del caso — dallo «spider» al filtro pop — sono quelli che forniscono il suono più realistico, pulito e piacevole in cuffia e sui diffusori.

I microfoni dinamici da studio sono una via di mezzo tra un microfono da concerto e un microfono da studio. Non sono così esigenti nei confronti dell’insonorizzazione della stanza e catturano l’audio in modo relativamente pulito grazie alla gamma ridotta. Allo stesso tempo, se installati e configurati correttamente e se si parla direttamente nel filtro pop, anche senza uno schermo da studio si otterrà una colonna sonora abbastanza decente.

I microfoni Petrolica sono una soluzione miniaturizzata per la registrazione al volo. Sono cablati e wireless, dinamici e a condensatore, differiscono per sensibilità e altri parametri. Una cosa che hanno in comune è la possibilità di liberare le mani dell’oratore nell’altoparlante, ad esempio per dare al presentatore la possibilità di gesticolare attivamente o di spiegare al pubblico qualche argomento molto importante e interessante sulle sue dita.

AFC e sensibilità. Capire cosa scrive il produttore nel passaporto del microfono è senza dubbio importante per chi lavora professionalmente con il suono. Video blogger, podcaster e streamer di solito non hanno bisogno di una conoscenza così approfondita del mondo dei dispositivi di registrazione. I microfoni prodotti con un’attenzione particolare ai creatori di contenuti per un vasto pubblico hanno in media parametri simili all’interno della stessa fascia di prezzo. Pertanto, è probabile che sia una perdita di tempo dedicare molto tempo al confronto dei grafici AFC.

Tipi di microfoni per la creazione di video su YouTube

I microfoni dinamici sono i più economici, ma anche i più spesso contraffatti da produttori non famosi. Grazie a un design piuttosto semplice, non temono cadute, suoni forti, alte frequenze e tutto ciò che di solito è considerato pericoloso per i dispositivi elettroacustici e per l’elettronica in generale. Come podcaster o streamer, i microfoni dinamici hanno due svantaggi: la bassa sensibilità e la paradossale capacità di catturare il rumore di fondo. Si può provare a registrare uno streaming con un microfono di un lettore dvd con funzione karaoke, naturalmente, ma preparatevi a sentire la vostra voce ovattata, soprattutto quando si registra in lontananza.

I microfoni a condensatore sono più sensibili, motivo per cui sono considerati ottimali per la registrazione vocale in interni. Più complessi rispetto a quelli dinamici, il design obbliga a maneggiarli con maggiore attenzione e in ogni caso a non farli cadere: una caduta anche dall’altezza di un treppiede da tavolo può essergli fatale. Lo svantaggio principale è la capacità di sentire tutti i rumori intorno a voi in assenza di protezione.

I migliori microfoni USB per YouTube nel 2024

Yeti nano blu

Promosso dai blogger di tutti i livelli, il compatto nano a 24 bit offre una voce chiara, supporta la connessione diretta alle cuffie, è dotato di un supporto in metallo e la cosa più importante per cui tutti lo amano: due modalità direzionali.

Il Blue Yeti nano è il top per chi cerca un microfono per diversi scenari di utilizzo. È un vero e proprio tuttofare, adatto per lo streaming su Twitch senza i pesanti clic in sottofondo, per i podcast sotto forma di interviste — con la modalità di attivazione del pattern circolare attivata, nonché per le chiamate di Zoom e Yandex.Teleconference.

Shure MV7

«Shure» si aspettava un prezzo quasi doppio rispetto al Blue Yeti, paragonabile per qualità e caratteristiche, ed è anche più grande, supporta la connessione tramite diverse interfacce e supporta una pressione sonora massima di 132 dB, mentre il «concorrente» solo 120 dB.

Basato sul leggendario SM7B, lo Shura MV7 supporta due tipi di interfacce contemporaneamente: USB e XLR. La prima vi permetterà di registrare in quasi tutte le condizioni, ovunque ci sia la possibilità di collegarsi a un computer portatile; la seconda trasformerà uno strumento podcaster compatto in una «macchina» da studio professionale per la registrazione di una colonna sonora, utile per le trasmissioni in studio.

L’MV7 è dotato di un controllo flessibile del tono audio con una serie di preset creati da professionisti. È inoltre possibile utilizzare il software gratuito Shure MOTIV per personalizzare il touchpad del microfono: basta premere un pulsante per scegliere le regolazioni desiderate.

RODE NT-USB Mini

Il «mattone» da tavolo RODE NT-USB Mini con supporto magnetico mobile è amato per la qualità del suono, il prezzo e l’aspetto. Non è amato per il fatto che senza un filtro pop suona piuttosto sporco. Ma qui vale la pena notare che di solito non viene utilizzato senza un filtro pop sotto forma di un accessorio indispensabile.

Il microfono di questo modello è alimentato e trasmette il suono via USB, il che lo rende mobile e versatile: si può trasmettere da casa o portarlo con sé in studio. La sua frequenza rientra nella gamma standard per la sua categoria di prezzo: 20-2000 Hz. Lo schema direzionale cardioide consente di scrivere il suono da una sola sorgente in modo relativamente pulito, tenendo conto della distanza, ma come unico microfono per un podcast di dialogo, molto probabilmente non è adatto.

Octave MCU-02

Questo microfono a condensatore di produzione russa funziona tramite USB e si collega a tutti gli attuali sistemi operativi desktop senza ulteriori manipolazioni. La gamma di frequenza di 20-20000 Hz è standard per la sua classe, e questo a un prezzo inferiore a quello dei concorrenti importati.

Il produttore non ha fornito alcuna caratteristica speciale, ma ha chiaramente lavorato sul case — compatto e resistente. Gli acquirenti lodano anche la confezione, che oltre al microfono include uno stativo con supporto e una custodia.

I migliori microfoni a condensatore XLR per YouTube nel 2024

Shure SM58

Pro:

  • Sistema pneumatico incorporato per il fissaggio a uno smorzatore di vibrazioni
  • Alimentazione poco impegnativa

Aspetti negativi:

  • Prezzo
  • Sensibilità

sE Electronics sE2200

Pro:

  • SPL 145 dB
  • Interruttori per i bassi per ridurre gli effetti di prossimità
  • Cassa metallica «ricca»

Contro:

  • Dotazione modesta
  • Supporto fragile
  • Sospensione rigida

Rode NT1

Pro:

  • Grafico AFC fluido
  • Rumore minimo, suono chiaro
  • Qualità costruttiva

Aspetti negativi:

  • Prezzo
  • Staffa non abbastanza rigida
  • Pesante

Neumann U87 Ai

Pro:

  • Qualità del suono
  • Alloggiamento

Aspetti negativi:

  • Prezzo

AKG C214

Pro:

  • Suono chiaro, soprattutto per la scrittura vocale dettagliata
  • Supporto completo con soppressione delle vibrazioni
  • Design

Contro:

  • Scrive debolmente le basse frequenze, anche nella voce

I migliori microfoni dinamici per YouTube nel 2024

Shure MV7 — l’atteso equilibrio stabile tra prezzo e qualità, oltre al design accattivante, alla compattezza e all’elevata sensibilità di un microfono dinamico.

Audio-Technica AE2300 — un microfono con direttività cardioide, corpo incredibilmente compatto — lungo letteralmente 10 cm e una confezione decente.

I migliori microfoni shotgun per YouTube nel 2024

Rode NTG-3 — migliore della concorrenza per registrare il suono a una maggiore distanza dalla telecamera, il che può essere utile per le registrazioni all’aperto.

Sennheiser MKE 600 — compatto, con un parabrezza incluso e la possibilità di collegarlo tramite un adattatore.

Audio-Technica AT897 — un’opzione economica per i principianti e per chi non ha spesso bisogno di registrazioni audio direzionali.

Sony ECM-G1M — la scelta migliore per le fotocamere dello stesso produttore, perché si collega ad esse senza fili, non interferisce con la visione dell’immagine attraverso il mirino e grazie alla direzionalità supercardioide scrive il suono in modo relativamente pulito. Per le fotocamere e i dispositivi mobili non-SONY supporta il collegamento tramite TRS-TRS.

Microfoni lavalier per la registrazione video

I microfoni lavalier sono popolari tra gli streamer e i podcaster perché non occupano le mani e lasciano spazio ai movimenti: si può gesticolare senza pensare a dove si trova il microfono.

Il leader indiscusso tra i microfoni ad anello non economici è RODE Lavalier GO: omnidirezionale compatto con un cavo quasi impossibile da danneggiare.

Leggermente inferiore al leader è Shure MVL — un loopback cablato in una cassa di zinco fuso, che pesa letteralmente 8 grammi, scrive il suono in modo abbastanza pulito e si collega tramite un jack standard da 3,5 mm a quasi tutte le fotocamere e persino ad alcuni smartphone.

Sennheiser ME 4-N — una manna dal cielo per la registrazione di video in luoghi rumorosi, perché la direttività supercardioide con la giusta impostazione catturerà solo la voce dell’altoparlante. Naturalmente, è dotato di protezione antivento.

Audio-Technica ATR3350xIS — il più miniaturizzato dei looper di fascia alta e il più economico, ma non per questo meno funzionale e con un suono decente. È dotato di un adattatore per smartphone, che amplia il numero di scenari di utilizzo disponibili.

Microfoni lavalier per smartphone

Il Rode Wireless GO II omnidirezionale è un occhiello senza fili che mantiene stabilmente la connessione fino a 70 metri di distanza. Il microfono non è economico, ma giustifica pienamente il suo prezzo: ha una buona cancellazione del rumore, nessun problema di connessione, confezione di alta qualità.

Boya BY-XM6-S2 è un’alternativa economica che vi aiuterà a entrare nel mondo del giornalismo online senza costi. Per le riprese di blog di viaggio, questo modello è perfettamente adatto: non c’è ritardo udibile, il segnale arriva fino a 100 m se non ci sono ostacoli e la batteria regge fino a 7 ore.

Sony ECM-44B — microfono professionale ad anello per la registrazione del suono nei video, che con l’aiuto di un adattatore e delle batterie acquista mobilità senza perdere la qualità del segnale registrato. Il modello è cablato e l’ingombrante connettore XLR appesantisce ulteriormente il design, ma se si dà priorità alla chiarezza della registrazione in un luogo rumoroso, l’opzione vale sicuramente la pena.

Microfoni direzionali (microfoni Shotgun)

I microfoni Shotgun sono dispositivi per la cattura del suono direzionale, spesso utilizzati nel giornalismo e nell’industria cinematografica. Sono raramente utilizzati per lo streaming, ma blogger e reporter di viaggio a volte aggiungono «pistole» compatte al loro arsenale di apparecchiature di registrazione per la ripresa del suono in eventi rumorosi e in luoghi affollati.

Il meglio di ciò che è adatto a un blogger e che non richiede spese eccessive, in ordine di crescente disponibilità, è collocato nella breve top 3:

  • Rode NTG-3
  • Sennheiser MKE 600
  • Audio-Technica AT897

Strumenti per il podcasting

Oltre al microfono in sé, il podcaster principiante e quello esperto dovranno procurarsi almeno una serie di accessori di base che appartengono alla categoria degli strumenti indirettamente necessari al podcaster. Ad esempio, anche all’inizio non si potrà fare a meno di una buona asta microfonica, di un filtro pop e, se le riprese saranno effettuate in altoparlante, di un paravento sulla testa del microfono.

A volte si consiglia ai principianti di attrezzare almeno uno studio «piatto» di base con un isolamento acustico minimo sotto forma di schermo fin dalla prima registrazione. Ma questo è un punto controverso, ci sono molti esempi di creatori di contenuti di successo sul web, che scrivono direttamente a casa e non si preoccupano di queste sfumature, perché inizialmente hanno preso un microfono di qualità, che semplifica notevolmente la vita.

In breve: microfoni per YouTube 2024

Non esiste un microfono perfetto per stream e podcast, ma Blue Yeti nano, Shure MV7 e «Octave» MCU-02 ambiscono a questo titolo, ciascuno nella propria categoria di prezzo.

Quando si sceglie un microfono per la registrazione del parlato, non bisogna guardare tanto ai numeri riportati sul passaporto del dispositivo, quanto alle capacità dichiarate dal produttore.

I microfoni a condensatore, a parità di condizioni, sono migliori, ma i microfoni dinamici sono più economici.

Un supporto, un filtro pop e una protezione antivento — per un’asola — non sono eccessi, ma accessori necessari.

Le dimensioni del microfono non influiscono in modo particolare, se non quando lo spazio è limitato, è meglio prendere versioni più compatte o un supporto con la possibilità di essere appeso.

È possibile registrare un podcast o uno streaming che possa interessare un pubblico di milioni di persone con qualsiasi microfono e telecamera, ma se si utilizzano quelli di alta qualità, si hanno molte più possibilità di fare la prima impressione giusta.

Un microfono professionale non farà il leader dell’opinione e non salverà l’idea inizialmente fallita, ma con un’attrezzatura di qualità è più facile sperimentare, realizzare, conquistare l’attenzione e la fiducia del pubblico su qualsiasi piattaforma, che sia Twitch o YouTube.

Вы не можете скопировать содержимое этой страницы